CONSULENZA PER LA SICUREZZA LAVORO

Consulenza per sicurezza sul lavoro - sicurezza in farmacia

Sicurezza in Farmacia svolge consulenza specifica per farmacie sui temi di sicurezza sul lavoro.

Consulenza per gli adempimenti obbligatori del decreto 81/2008

Il decreto 81/2008 prevede che ogni farmacia svolga obbligatoriamente una serie di adempimenti. A questo proposito, ci occupiamo di condurre la farmacia al pieno rispetto delle norme vigenti, attraverso la realizzazione e l’applicazione del documento di valutazione rischi (DVR).

Il Testo Unico per la Salute e Sicurezza sul Lavoro (noto come T.U.S. o altrimenti indicato come Decreto 81/2008) è il testo legislativo di riferimento per le norme obbligatorie sulla salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro.

Compilare il Documento Valutazione Rischi DVR

Le nostre attività di consulenza tengono conto soprattutto delle caratteristiche e delle specificità della farmacia. A tale proposito, le indicazioni della legge sono di focalizzare la situazione di ogni singola farmacia, identificando le diverse attività da intraprendere per una piena adesione agli obblighi di legge tra cui la redazione e la applicazione del documento principale, ovvero il Documento di Valutazione dei Rischi (DVR).

Il processo per ottenere il DVR

Il nostro processo di consulenza per la sicurezza sul lavoro delle farmacie si svolge come segue:

Il processo della consulenza per la sicurezza in farmacia

  • Dopo un primo contatto con la farmacia, cui vengono illustrati i termini e le caratteristiche dell’intervento di consulenza, la farmacia riceve il contratto di adesione, che va compilato e rispedito alla nostra segreteria.
  • Prima di un sopralluogo concordato, la farmacia riceve un documento di preparazione che riassume tutte le informazioni e i materiali da predisporre appunto in vista del sopralluogo, che verrà effettuato da un nostro consulente.
  • Durante il sopralluogo, il consulente esaminerà la documentazione, e effettuerà una ricognizione della farmacia; la ricognizione è necessaria per analizzare tutti gli aspetti che verranno trattati successivamente nel DVR, come per esempio le caratteristiche dei “luoghi di lavoro”, che la normativa richiede di analizzare.
  • Successivamente, il consulente fornirà la prima stesura in bozza del Documento di Valutazione dei Rischi, che verrà inviata al Datore di Lavoro, o al Titolare. Da questo momento il datore di lavoro potrà infatti leggere una prima versione del documento e evidenziare eventuali omissioni o incomprensioni che si siano venuti a creare.
  • Queste eventuali valutazioni andranno a comporre la Bozza del DVR. Dopo i necessari colloqui e correzioni, si potrà disporre della versione definitiva del DVR. Affinché sia valido a tutti gli effetti, il DVR dovrà essere visibile al pubblico attraverso l’apposizione della data certa; l’apposizione della data certa è una operazione obbligatoria di certificazione del documento, che oggi è possibile svolgere via PEC, posta elettronica certificata.

Sicurezza in Farmacia fornisce consulenza e formazione specifica per farmacie sul decreto 81/2008, manuale HACCP, privacy.

Contattaci per maggiori informazioni, oppure iscriviti alla nostra newsletter